Vai al contenuto

Relazione di Mary McAleese alla Conferenza del giorno internazionale della donna di Voices of Faith (traduzione italiana)

Condividi con noi!
  • 27
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

"L'oppressione storica delle donne ha privato la razza umana di risorse indicibili, il vero progresso per le donne non potrà che liberare enormi riserve di intelligenza ed energia, di cui c'è urgente bisogno in un mondo che geme per la pace e la giustizia". (estratto dalla presentazione della professoressa Maryann Glendon, membro della delegazione della Santa Sede alla Conferenza delle Nazioni Unite sulle donne, Pechino 1995) Gli israeliti sotto il comando di Giosuè circondarono le mura di Gerico per sette giorni, suonarono le trombe e gridarono per far cadere i muri. (cfr Giosuè 6: 1-20). Noi non abbiamo trombe, ma abbiamo voci, voci di fede e siamo qui per gridare, per abbattere le mura della misoginia della nostra Chiesa.

Circondiamo queste mura, da 55 anni da quando l'enciclica Pacem in Terris di Giovanni XXIII ha indicato il progresso delle donne come uno dei "segni dei tempi" più importanti. " Nella donna, infatti, diviene sempre più chiara e operante la coscienza della propria dignità. Sa di non poter permettere di essere considerata e trattata come strumento; esige di essere considerata come persona, tanto nell’ambito della vita domestica che in quello della vita pubblica.". [...] Il complesso di inferiorità di lunga data di certe classi a causa del loro status economico, sociale, sesso o posizione nello Stato, e il corrispondente complesso di superiorità di altre classi, sta rapidamente diventando una cosa del passato.
Al Concilio Vaticano II l'Arcivescovo Paul Hallinan di Atlanta ha avvertito i vescovi di smettere di perpetuare "il posto secondario accordato alle donne nella Chiesa del XX secolo" e di evitare che la Chiesa sia "ritardataria nel loro sviluppo sociale, politico ed economico ". Il decreto del Concilio Apostolicam Actuositatem ha affermato che è importante che le donne "partecipino più ampiamente […] nei vari settori dell'apostolato della Chiesa". La costituzione pastorale del Concilio, Gaudium et Spes, ha affermato che l'eliminazione della discriminazione basata sul genere è una priorità. Paolo VI ha anche commissionato uno studio sulle donne nella Chiesa e nella società. Sicuramente pensavamo allora che la Chiesa postconciliare fosse sulla strada della piena uguaglianza per i suoi 600 milioni di membri femminili. E sì, è vero che dal Concilio in poi si sono aperti nuovi ruoli e posti di lavoro ai laici, comprese le donne, questi hanno semplicemente aumentato marginalmente la visibilità delle donne in ruoli subordinati, anche in Curia, ma non hanno aggiunto nulla al loro potere decisionale o alla loro voce. Occorre notare che dal Concilio, i ruoli specificamente designati come adatti ai laici sono stati deliberatamente chiusi alle donne. I ruoli stabili di accolito e lettore e il diaconato permanente sono stati aperti solo agli uomini laici. Perché? Sia uomini che donne possono essere servitori temporanei dell'altare, ma i vescovi sono autorizzati a mettere al bando le femmine e, dove le hanno autorizzate nelle loro diocesi, i singoli pastori possono metterle al bando nelle loro parrocchie. Perché?
Nel 1976 ci fu detto che la Chiesa non si considera autorizzata ad ammettere le donne all'ordinazione sacerdotale. Questo ha precluso alle donne qualsiasi ruolo significativo nella leadership, nello sviluppo dottrinale e nella struttura dell'autorità della Chiesa, dal momento che questi sono stati storicamente riservati o filtrati attraverso gli uomini ordinati. Eppure, nella giustizia divina, il fatto stesso dell'esclusione permanente delle donne dal sacerdozio e tutte le sue conseguenze, avrebbe dovuto provocare la gerarchia della Chiesa a trovare modi innovativi e trasparenti per includere le voci delle donne per diritto e non come concessioni centellinate o “pacche sulle spalle” da parte del Collegio episcopale, divinamente istituito, o da entità costruite dall’uomo come il Collegio cardinalizio, il Sinodo dei vescovi e le conferenze episcopali, tutti luoghi in cui la fede è plasmata dalla decisione, dal dogma e dalla dottrina. Immaginate questo scenario normativo: Papa Francesco indice il Sinodo sul ruolo delle donne nella Chiesa e 350 maschi celibi consigliano al Papa ciò che le donne vogliono davvero! Ecco quant’è diventata ridicola la nostra Chiesa. Per quanto tempo la gerarchia può sostenere la credibilità di un Dio che vuole che le cose vadano in questo modo? Che vuole una Chiesa dove le donne sono invisibili e senza voce nella leadership della Chiesa, nel discernimento e nel processo decisionale legale e dottrinale?
Fu proprio in questa stessa sala, nel 1995, che il teologo gesuita irlandese, p. Gerry O'Hanlon ha messo il dito sul problema sistemico che ha poi portato al Decreto 14 della 34ª Congregazione Generale dei Gesuiti. È un documento dimenticato, ma oggi lo rispolveriamo e lo useremo per sfidare un Papa gesuita, un Papa riformatore, a un'azione concreta e reale a favore delle donne nella Chiesa cattolica. Il decreto 14 dice: “Abbiamo fatto parte di una tradizione civile ed ecclesiale che ha recato offesa alle donne e, come molti uomini, scopriamo in noi la tendenza a dire a noi stessi che non esiste alcun problema. Magari senza volerlo, siamo stati spesso complici di una forma di clericalismo che ha rafforzato il predominio maschile dandogli il sigillo dell’approvazione divina. Riconoscendo questo, noi vogliamo reagire personalmente e comunitariamente, e intendiamo fare tutto quanto possibile per cambiare questa inaccettabile situazione”.
"L’inaccettabile situazione" sorge perché la Chiesa cattolica è stata a lungo uno dei principali portatori globali del virus della misoginia. Non ha mai cercato una cura anche se una cura è disponibile gratuitamente. Il suo nome è "uguaglianza"
Nei 2000 anni della lunga storia cristiana sono venuti l'eterea bellezza divina della Natività, il crudele sacrificio della Crocifissione, l'Alleluia della Risurrezione e il grido di battaglia del grande comandamento di amarsi l'un l'altro. Ma lungo quella stessa strada sono corse anche le tossine create dall'uomo della misoginia, dell'omofobia per non parlare dell'antisemitismo, con la loro eredità di vite danneggiate e sprecate e disfunzioni istituzionali profondamente radicate.
Le leggi e le culture di molte nazioni e sistemi di fede erano storicamente profondamente patriarcali ed escludevano le donne, alcuni lo sono ancora, ma oggi la Chiesa cattolica resta indietro rispetto alle nazioni avanzate del mondo nell'eliminazione della discriminazione contro le donne. Peggio ancora, dal momento che è il "pulpito del mondo", per citare Ban Ki Moon, il suo evidente patriarcato clericale agisce come un potente freno allo smantellamento dell'architettura della misoginia ovunque si trovi. È ironico perché l'educazione è stata fondamentale per il progresso delle donne e per molti di noi l'educazione che ci ha liberate è stata fornita dalla Chiesa, presbiteri e laici, che hanno fatto così tanto per sollevare uomini e donne da povertà e impotenza e dare loro l'accesso alle opportunità.
Eppure, paradossalmente, sono le voci interrogative delle donne cattoliche istruite e degli uomini coraggiosi che le sostengono, che la gerarchia della Chiesa semplicemente non può affrontare e che disprezza, piuttosto che impegnarsi nel dialogo. La Chiesa, che critica regolarmente il mondo secolare per la sua incapacità di dare attuazione ai diritti umani, sembra non avere strumenti per criticare se stessa. Ha un'ostilità alle critiche interne che promuove il servilismo coi paraocchi e che rasenta l'idolatria istituzionale.
Oggi sfidiamo Papa Francesco a sviluppare una strategia credibile per l'inclusione delle donne come pari in tutte le infrastrutture alle radici e nei rami della Chiesa, incluso il suo processo decisionale. Una strategia con obiettivi, percorsi e risultati regolari da verificare in modo indipendente La mancata inclusione delle donne come pari ha privato la Chiesa di un discernimento nuovo e innovativo; l'ha consegnata al pensiero riciclato di un'accogliente elite clericale maschile ermeticamente chiusa, lusingata da se stessa e raramente sfidata dagli altri, spinti a lavorare in processi segreti e chiusi. Ha tenuto fuori Cristo e ha fatto entrare il bigottismo. Ha lasciato che la Chiesa sbattesse goffamente con un'ala quando Dio gliene ha donate due. Abbiamo il diritto di ritenere i nostri dirigenti della Chiesa responsabili di questo e di altri gravi abusi del potere istituzionale e insisteremo sul nostro diritto a farlo, indipendentemente da quante porte ufficiali ci siano chiuse.
All'inizio del suo pontificato, Papa Francesco disse: "Dobbiamo creare opportunità ancora più ampie per una presenza femminile più incisiva nella Chiesa", parole che uno studioso della Chiesa ha descritto come prova della "magnanimità" di Francesco. Cerchiamo di essere chiari, il diritto delle donne all'uguaglianza nella Chiesa nasce organicamente dalla giustizia divina. Non dovrebbe dipendere dalla benevolenza papale ad hoc.
Papa Francesco ha descritto le teologhe come "le fragole sulla torta". Sbagliato. Le donne sono il lievito nella torta. Sono i principali trasmissori della fede ai figli. Nel mondo occidentale la torta della Chiesa non sta lievitando, il vessillo della fede sta cadendo. Le donne si allontanano dalla Chiesa cattolica in massa, perché coloro che dovrebbero essere influenti nella formazione della fede dei loro figli non hanno la possibilità di essere fattori chiave nella formazione della fede cattolica. Non è più accettabile. Appena quattro mesi fa, l'arcivescovo di Dublino Diarmuid Martin si è sentito costretto a sottolineare che "la bassa posizione delle donne nella Chiesa cattolica è la ragione più significativa del sentimento di alienazione verso di essa in Irlanda oggi".
Eppure Papa Francesco ha affermato che "le donne sono più importanti degli uomini perché la Chiesa è una donna". Santo Padre, perché non chiedere alle donne se si sentono più importanti degli uomini? Sospetto che molte risponderanno che sperimentano la Chiesa come un bastione maschile, pieno di banalità patronali a cui Papa Francesco ha aggiunto la sua quota.
Giovanni Paolo II ha scritto del "mistero delle donne". Parlaci da pari a pari e non saremo un mistero! Francesco ha detto che è necessaria una "teologia più profonda delle donne". Dio sa che sarebbe difficile trovare una teologia femminile più superficiale della misoginia vestita da teologia che il magistero attualmente nasconde.
Una teologia più profonda ci sta continuamente fissando. Non richiede molto scavo per essere trovata. Basta guardare a Cristo. Giovanni Paolo II ha sottolineato che: "Siamo gli eredi di una storia che ci ha condizionato in misura notevole. In ogni tempo e luogo, questo condizionamento è stato un ostacolo al progresso delle donne. [...] Trascendendo le norme stabilite della propria cultura, Gesù trattava le donne con apertura, rispetto, accettazione e tenerezza ... Se guardiamo a Cristo è naturale chiederci: quanto del suo messaggio è stato ascoltato e messo in atto?”. Le donne sono le più qualificate per rispondere a questa domanda, ma siamo lasciate a parlare tra di noi. Nessun leader della Chiesa si preoccupa di presentarsi e non solo perché noi non contiamo per loro, ma perché la loro formazione sacerdotale li prepara a resistere nel considerarci come dei veri eguali.
In questa sala nel 1995, la Congregazione dei Gesuiti chiese a Dio la grazia della conversione da una chiesa patriarcale a una Chiesa di uguali, una Chiesa in cui le donne davvero contano e non in base a ciò che è stato deciso dagli uomini per una Chiesa patriarcale, ma perché Cristo conta. Solo una Chiesa di eguali è degna di Cristo. Solo una simile Chiesa può rendere credibile Cristo. Il tempo per quella Chiesa è ora, papa Francesco. Il momento del cambiamento è ora.
https://static1.squarespace.com/static/5a28981618b27d9cb5404470/t/5abda1bc758d46a7b6196e77/1522377151258/VoicesofFaithmarymcaleesetext+copy.pdf

Condividi con noi!
  • 27
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *