Vai al contenuto

Il documento finale del Sinodo Amazzonico: diaconato alle donne, quanto durerà ancora il travaglio?

Condividi con noi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

da Roma

di Deborah Rose-Milavec (FutureChurch)

Ho avuto sorelle e amiche che hanno avuto travagli durati lunghe ore. Una delle mie amiche è stata in travaglio per 48 ore. Era completamente sfinita al momento del parto.

Ma il travaglio più lungo registrato fino ad oggi è stato di 75 giorni! Una donna polacca che perse uno dei suoi tre gemelli, riuscì a mantenere in vita gli altri due bambini tenendo i piedi sopra la testa per 75 giorni fino a quando i bambini potevano nascere, in modo sicuro.

Penso che la maggior parte delle madri faccia tutto ciò che deve fare per portare un bambino al sicuro in questo mondo e per tenerlo al sicuro dopo la nascita.

Stasera nella sala stampa, mentre leggevo il documento finale, ho sentito le fitte di un travaglio che è andato avanti all'infinito, così a lungo per così tante donne e i loro alleati.

Non c'è dubbio che con questo sinodo siamo entrati in una nuova fase nella realizzazione dei ministeri delle donne e in particolare del diaconato.

Al sinodo sulla famiglia del 2015, l'arcivescovo Andre Durocher ha chiesto di aprire la discussione sulle donne diaconi. Nel 2016, l'UISG ha spinto Papa Francesco ad agire sulla questione studiando la possibilità. Nel maggio 2019, Papa Francesco ha consegnato un rapporto che ha deluso molti dicendo che non c'era abbastanza consenso per andare avanti.

Ci siamo buttate in questo sinodo. A differenza di qualsiasi sinodo precedente, c'era una maggioranza - donne religiose, donne e uomini indigeni e vescovi - che sostenevano con forza non per ulteriori studi, ma di ordinare diaconi le donne che stanno già fornendo un ministero diaconale nei loro villaggi.

Quindi, quando il paragrafo 103 (il secondo paragrafo più controverso del documento con un voto da 137 a 30) ha richiesto ulteriori studi, avrei voluto dire con lacrime alle mie sorelle che sono piene di fede e che hanno atteso così a lungo, "Quanto ancora durerà questo infinito travaglio? "

Il paragrafo recita:

Nelle numerose consultazioni condotte in Amazzonia, il ruolo fondamentale delle religiose e dei laici nella Chiesa dell'Amazzonia e delle sue comunità è stato riconosciuto e sottolineato, dati i molteplici servizi che forniscono. In tante di queste consultazioni, è stato richiesto il diaconato permanente per le donne. Per questo motivo il tema era importante durante il Sinodo. Già nel 2016, Papa Francesco ha creato una "Commissione di studio sul diaconato delle donne" che, come commissione, ha raggiunto un risultato parziale basato su come era la realtà del diaconato femminile nei primi secoli della Chiesa e sulle sue implicazioni per l’oggi. Vorremmo pertanto condividere le nostre esperienze e riflessioni con la Commissione e attendere i suoi risultati (103).

Mentre questo significa che l'ordinazione al diaconato permanente è ancora in gioco, ci sono anche motivi per essere preoccupati.

Il prefetto della congregazione per la dottrina della fede, il cardinale Luis Ladaria Ferrer SJ, è stato a capo di questa commissione. Ha un ruolo importante in ciò che accade. È stato nominato nel 2017 per cinque anni, quindi riaprire la commissione si tradurrà in successo solo se avremo la nopstra Phyllis Zagano lì, ma anche una nuova infusione di teologi e vescovi della regione amazzonica e di altre regioni in cui l'ordinazione femminile è benvenuta . Altrimenti, una riapertura comporterà probabilmente un altro stallo e attesa.

Inoltre, l'articolo 111 (il più controverso nel documento con un voto da 128 a 41) apre le porte al sacerdozio per gli uomini sposati nella regione amazzonica e forse per la chiesa più ampia. Sebbene ciò sia motivo di gioia perché apre la porta a un sacerdozio più inclusivo, questo, di per sé, potrebbe anche rivelarsi un nuovo ostacolo all'ordinazione delle donne diaconi poiché nella pratica saranno i diaconi permanenti che saranno considerati per primi per questa ordinazione poiché sono "viri probati".

Il paragrafo 111 recita:

Molte delle comunità ecclesiali del territorio amazzonico hanno enormi difficoltà di accesso all'Eucaristia. a volte ci vogliono non solo mesi ma anche diversi anni prima che un sacerdote possa tornare in una comunità per celebrare l'Eucaristia, offrire il sacramento della riconciliazione o ungere i malati nella comunità. Apprezziamo il celibato come un dono di Dio (Sacerdotalis Caelibatus, 1) nella misura in cui questo dono consente al discepolo missionario, ordinato al sacerdozio, di dedicarsi pienamente al servizio del Santo Popolo di Dio, stimola la carità pastorale e preghiamo che ci siano molte vocazioni a vivere il sacerdozio celibe. Sappiamo che questa disciplina "non è richiesta dalla natura stessa del sacerdozio ... sebbene abbia molte ragioni di praticità" (PO 16). Nella sua enciclica sul celibato sacerdotale, San Paolo VI ha mantenuto questa legge e ha esposto le motivazioni teologiche, spirituali e pastorali che la sostengono. Nel 1992, l'esortazione post-sinodale di Giovanni Paolo II sulla formazione sacerdotale ha confermato questa tradizione nella Chiesa latina (PDV 29). Considerando che la legittima diversità non danneggia la comunione e l'unità della Chiesa, ma la esprime e serve (LG 13; SO 6) che testimonia la pluralità di riti e discipline esistenti, proponiamo di stabilire criteri e disposizioni sulla parte dell'autorità competente, nell'ambito di Lumen Gentium 26, di ordinare sacerdoti adatti e stimati uomini della comunità, che hanno avuto un proficuo diaconato permanente e ricevono una formazione adeguata per il sacerdozio, con una famiglia legittimamente costituita e stabile, sostenere la vita della comunità cristiana attraverso la predicazione della Parola e la celebrazione dei Sacramenti nelle aree più remote della regione amazzonica. A questo proposito, alcuni erano a favore di un approccio più universale all'argomento.

Questa pratica, a tutti gli effetti, paralizza un'argomentazione chiave che è stata una pietra miliare per il caso delle donne diaconi: l'argomento e la realtà secondo cui il diaconato permanente è un ministero separato dal sacerdozio. La pratica attuale offusca la distinzione poiché sono i diaconi permanenti sposati che saranno considerati per primi per questo nuovo percorso verso un sacerdozio sposato.

Per gli uomini di chiesa che vogliono tenere a bada l'ordinazione delle donne al sacerdozio, ciò fornirà un'altra "ragione" per scartare l'idea dell'ordinazione delle donne al diaconato permanente.

Papa Francesco ha concluso il sinodo questa sera con alcune osservazioni sulle donne: “Il documento finale non riesce a esprimere il valore reale che le donne hanno all'interno della Chiesa e il loro ruolo nella trasmissione della fede. Dovrebbero essere presenti nelle commissioni, ma il ruolo delle donne nella Chiesa va molto più lontano della loro funzione”.

Durante il travaglio, c'è un modo di respirazione che consente di superare le contrazioni, di passare da un momento doloroso a quello successivo. Sono diventata piuttosto brava in questo particolare schema di respirazione come madre di cinque figli. E quando si tratta di aprire le porte al ministero e al governo per tutte le mie sorelle cattoliche, non c'è niente che io desideri offrire di più. Siamo un corpo, il Corpo di Cristo, donne e uomini insieme, incinta di una nuova vita ... nuovi modi di essere donne in chiesa ... di essere chiesa insieme.

I nostri dolori sono acuti e le contrazioni sono forti.

Siamo pronte a partorire nuove forme di ministero per le donne! Siamo pronti a consegnare il diaconato! Il voto! Il sacerdozio! La governance! Il cardinalato! L’autorità! Il processo decisionale! Il papato!

E stiamo insieme, respirando, a volte gridando quando il dolore è grande, fino a quando non nascerà questa nuova vita.

 

 

 


Condividi con noi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *