Vai al contenuto

E’ tempo che le religioni garantiscano alle donne uguali diritti spirituali

Condividi con noi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

 di Joseph D’Souza (primate della chiesa protestante "Del buon Pastore" - India)

Versione originale apparsa su Newsmax.com

Per quasi 30 anni, alle donne in età mestruale in India è stato vietato l'ingresso nel tempio di Sabarimala nel Kerala. Questo potrebbe presto cambiare, quando la Corte Suprema dell'India esaminerà la costituzionalità del divieto.

Decretato dall'alta corte del Kerala nel 1991, il divieto impedisce alle donne in età mestruale - da 10 a 50 anni - di entrare nel tempio. Secondo la tradizione, il tempio ospita il santuario di Lord Ayyappa, una divinità indù celebrata per il suo celibato e la presenza di donne in età mestruale lo contaminerebbe.

Il divieto è stato revocato l'anno scorso, dopo che la Corte Suprema ha stabilito che violava i diritti di culto delle donne, ma la sentenza è stata immediatamente contestata da dozzine di petizioni di revisione e il governo dello stato sta ancora vietando l'ingresso alle donne. Ogni volta che le donne hanno tentato di adorare nel tempio, sono state fermate dalla polizia e dai manifestanti.

Ho già parlato di Sabarimala e del suo significato per i diritti spirituali delle donne indiane. Sabarimala è la seconda destinazione di pellegrinaggio più grande del mondo, dopo la Mecca in Arabia Saudita. Più di 30 milioni di pellegrini indù visitano il tempio ogni anno.

La triste verità è che il tempio di Sabarimala non è che una storia nella più grande narrazione della lotta delle donne per i loro diritti spirituali. Nel corso della storia e fino ad oggi, alle donne di tutte le principali religioni del mondo è stato negato l'uguaglianza di accesso ai siti di culto e gli è stato impedito di ricoprire posizioni di comando.

Ad esempio, in molte moschee le donne sono separate dai principali servizi di preghiera e persino negato l'ingresso.

In India, anche il diritto delle donne ad entrare nelle moschee viene esaminato dalla Corte Suprema. In Francia e in America alcune donne hanno preso in mano la situazione e fondato le proprie moschee, anche se non senza affrontare sfide significative. E in Arabia Saudita, le donne di età inferiore ai 45 anni che vogliono fare il pellegrinaggio hajj alla Mecca devono essere scortate da un tutore maschio. Le donne anziane godono di un minimo di libertà: possono fare il pellegrinaggio con un gruppo organizzato, ma hanno ancora bisogno di una lettera notarile di "nessuna obiezione" da parte di marito, padre o figlio. Sono stati fatti tentativi persino di tenerle fuori dal sito più santo dell'Islam, la Kaaba alla Mecca.

Naturalmente, la chiesa cristiana non è esente dal commettere questo errore. La questione dei diritti spirituali delle donne è stata un grande punto cieco della chiesa nel corso dei secoli. In effetti, scrivo questo come vescovo che crede nelle antiche credenze e nella tradizione della chiesa primitiva, abbiamo permesso alla cultura, anziché alla Scrittura, di inquadrare i diritti e i doveri spirituali degli uomini e delle donne nella chiesa. È tanto evidente quando un autore influente come John MacArthur afferma che Beth Moore, una popolare insegnante di Bibbia, dovrebbe “tornare a casa” e non avere il permesso di predicare.

Mi chiedo se abbiamo dimenticato che Gesù ha ridefinito radicalmente - o meglio detto, restaurato - la posizione delle donne come uguali portatrici dell’immagine di Dio nel suo regno? In un'epoca in cui le posizioni religiose erano in gran parte riservate agli uomini, le donne non erano solo una parte fondamentale del ministero di Gesù, ma avevano anche lo stesso status di discepole. La storia di Marta e Maria, due sorelle che seguirono Gesù, ne è un esempio.

La storia viene spesso usata come un racconto di ammonimento sul pericolo di occuparsi così tanto delle faccende che da perdere l'aspetto spirituale del ministero, ma ha un sottotesto sulla posizione delle donne che viene spesso ignorato.

Il Vangelo di Luca dice che Marta si agita attorno a casa sua preparandola ad ospitare Gesù e i 12 discepoli, mentre Maria siede ai piedi di Gesù, ascoltando il suo insegnamento. Sconvolta dal fatto che sua sorella non la stia aiutando, Marta va da Gesù - un fatto significativo dato che avrebbe potuto parlare direttamente con sua sorella - e, di fronte a tutti i presenti, gli chiede essenzialmente di mettere Maria al suo posto.

Ma Gesù fa il contrario. Egli risponde: "Maria ha scelto ciò che è meglio e non le sarà tolto" (Luca 10:42).

Come studioso del Nuovo Testamento N.T. Wright spiega che, per comprendere appieno il significato della straordinaria risposta di Gesù, dobbiamo comprendere il contesto culturale. I ragazzi ebrei che volevano diventare insegnanti di legge seguivano un rabbino e si sedevano ai suoi piedi quando insegnava. Dicendo che Maria poteva sedere ai suoi piedi, Gesù stava affermando il pieno status di Maria come discepola.

L'argomentazione secondo cui uomini e donne sono uguali, ma hanno ruoli diversi nella chiesa a causa del loro genere appare  vuota quando guardiamo al Nuovo Testamento. Lo Spirito Santo non è sceso allo stesso modo su uomini e donne e ha dato a entrambi l'accesso a tutti i doni spirituali? Il ruolo di una persona nella chiesa non si basa sul genere, sull'etnia o addirittura sull'abilità, ma si basa su doni spirituali. Se una donna ha il dono dell'insegnamento, allora dovrebbe insegnare e non essere ostacolata.

Il Nuovo Testamento ha molti esempi di donne che ricoprono un ruolo di primo piano nella chiesa del I secolo, tra cui Priscilla, che con suo marito Aquila ha seguito il compagno di Paolo, Apollo, le quattro figlie di Filippo Evangelista che erano profetesse e una apostola di nome Junia.

Avendo passato due decenni ad occuparmi dei diritti umani e civili dei gruppi emarginati, mi sono convinto che la forma più perniciosa di discriminazione umana non sia razziale, etnica o religiosa. È la discriminazione contro le donne. Trascende il razzismo, la superiorità etnica e l'intolleranza religiosa perché è presente in tutte le razze, etnie e religioni.

Per fare un passo ulteriore, credo che negare alle donne i loro pieni diritti spirituali sia la causa sottostante dell'oppressione delle donne in molte culture. Se uomini e donne sono spiritualmente uguali, allora dovrebbero essere uguali sotto tutti gli aspetti.

Sono incoraggiato che ci siano movimenti all'interno del cristianesimo per cambiare questa ingiustizia. Papa Francesco, per esempio, ha fatto pressioni affinché le donne fossero ordinate diaconi nella Chiesa cattolica. Negli ultimi decenni la Chiesa anglicana ha lavorato per ordinare donne sacerdote. Le tradizioni pentecostali e carismatiche hanno donne come pastori e persino leader di movimenti.

C'è ancora molta strada da fare per dare alle donne i loro pieni diritti spirituali. Ma spero che casi come quelli dinanzi alla Corte suprema in India aiuteranno a correggere questo errore. Non possiamo permettere alle tradizioni culturali di nessuna religione di calpestare i diritti fondamentali e la dignità delle donne come esseri umani completi.


Condividi con noi!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *