Vai al contenuto

7

Con questo documento vogliamo espressamente occuparci del DDL 735 (Norme in materia di affido condiviso, mantenimento diretto e garanzia di bigenitorialità) presentato dal Sen. Pillon al Senato il 1 agosto 2018, che sta sollevando molte discussioni e generalizzate critiche da parte del mondo psicologico-giuridico e del diritto.

...continua a leggere "Donne per la Chiesa: il DDL Pillon non ha nulla di cattolico"

di Sara Letardi

Il fatto che padre James Martin parteciperà alla prossima conferenza internazionale sulla famiglia, a Dublino, è una bella notizia!

P. Martin è un sacerdote gesuita statunitense, esperto in comunicazione e autore di diversi libri. in Italia ne sono stati tradotti due: “Guida del gesuita a quasi tutto” e “Un ponte da costruire. Una relazione nuova tra Chiesa e persone lgbt”. ...continua a leggere "Perché padre Martin all’incontro mondiale delle famiglie 2018 è una bellissima notizia!"

Relazione di Linda Tripodi al primo incontro Donne per la Chiesa, Roma

Vorrei parlarvi brevemente di due cose che mi stanno a cuore: le donne e la famiglia. Se siamo qui, è inutile ribadirlo, è perché molte di noi vivono un disagio, come donne e come famiglie all’interno delle comunità parrocchiali in cui vivono.

Mi ci metto in prima persona: avete mai provato ad andare a Messa con tre bambini sotto i cinque anni in una delle parrocchie/reparto geriatrico delle nostre città? ...continua a leggere "Parrocchie o reparti geriatrici?"

di Maria Ilaria de Bonis

pubblicato su "In caritate" bollettino delle suore elisabettiane

La violenza si ripete ma non è mai la stessa. Man mano che diventa più visibile e manifesta, si fa anche più subdola e perversa. Specialmente quella contro le donne.

E’ uno degli aspetti meno indagati della violenza di genere ed è però giunto il momento di sviscerarlo. ...continua a leggere "Violenza contro le donne: uscire dalla dinamica vittima-aggressore"

Nella Chiesa quelle che vengono definite famiglie numerose (dai tre figli in su) sono sempre state portate come esempio, per la loro “coraggiosa apertura alla vita”, perché i figli sono una benedizione di Dio e “beato l’uomo che piana ne ha la faretra”… tutto bello e giusto dato che fare figli oggi è una scelta azzardata, che può costare molto e basti pensare a quante famiglie scendono al di sotto della soglia di povertà quando arriva un bambino in più. Per questo se ne fa anche una bandiera per battaglie politiche, giuste o meno, e si portano in giro per le Diocesi a fare testimonianze, utilizzando i figli come biglietti da visita: “madre di quattro”, “padre di cinque” e così via.

...continua a leggere "Dimmi quanti figli hai e ti dirò che cristiano sei"