Vai al contenuto

La mia storia di vita consacrata comincia con una gravidanza in giovane età al di fuori del matrimonio. Potrebbe sembrare che in quest’incipit ci sia un ossimoro ed invece sono due realtà che convivono armoniosamente in me. Vengo da una famiglia dove l’essere donna “autonomamente organizzata” è ancora una rivendicazione ed una conquista. Dopo una convivenza ed una separazione devastanti, la mia salvezza in quei momenti e la mia rinascita nei succesivi è stata la teologia: menti illuminate di sacerdoti e religiosi mi hanno aiutata a risollevarmi, credendo fortemente nelle mie capacità. Ho avuto l'opportunità di fare diverse esperienze, ma il mio primo amore è sempre stato la vita consacrata. A 14 anni ho avuto un primo desiderio di entrare in un monastero di clausura, ma per la mia famiglia era un problema anche la mia partecipazione alla Messa domenicale; quindi non ho avuto l'opportunità di una guida costante che mi aiutasse a coltivare questo seme.

...continua a leggere "Testimonianza 28"