Vai al contenuto

La Chiesa, le donne e il culto della verginità

Condividi con noi!
  • 279
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Articolo tradotto, versione originale qui

Mi sono interrogato sulla straordinaria enfasi che la chiesa pone sulla verginità.

Il credere che Maria fosse vergine al tempo in cui concepì Gesù è un articolo fondamentale di fede. La sua verginità è stata celebrata nella tradizione cristiana e nelle preghiere della chiesa sin dalla sua fondazione. Innumerevoli inni sono stati composti per onorare la vergine.
Va tutto bene. Ma a volte mi sembra che la chiesa continui a parlarne un po’ troppo, come se le parole Maria e Vergine, come amore e matrimonio o Trump e controversie, non potessero essere separate. La liturgia della chiesa si riferisce quasi sempre alla madre di Gesù come Vergine Maria o Beata Vergine. Il Catechismo della Chiesa Cattolica e altri strumenti di insegnamento fanno lo stesso. A Maria sono stati concessi molti titoli meravigliosi - Madre del Perpetuo Soccorso, Nostra Signora delle Vittorie, Regina del Cielo - ma Beata Vergine li ha vinti tutti.

Per molte persone, questa ossessione per la verginità è scoraggiante. È come se la chiesa affermasse che il sesso è cattivo e la nostra verginità è ciò a cui dovremmo attenerci, se non è già troppo tardi.

Il culto della verginità non si ferma a Maria. Si estende anche alle donne sante.
Nel calendario liturgico, che elenca i giorni di festa dell'anno della chiesa, esiste una distinzione impressionante tra quasi tutte le sante e le loro controparti maschili. Con poche eccezioni, le sante femminili sono classificate come Vergini.
La grande Caterina da Siena è descritta prima come Vergine, e solo in seconda battuta come Dottore della Chiesa, anche se quest'ultimo è uno dei più alti riconoscimenti che un santo possa ricevere. Sant'Agata è elencata prima come Vergine e poi come Martire, anche se il martirio è la massima categoria di santi. La povera Santa Scolastica è descritta semplicemente come Vergine.
In ogni caso, sia essa religiosa o laica, la verginità della santa è considerata almeno tanto significativa quanto il suo martirio o il suo zelo, o addirittura il suo status di dottore della Chiesa.

Lo stesso non si applica agli uomini. Da nessuna parte nel calendario liturgico si trova un santo maschio descritto come vergine. A seconda dell'individuo, è descritto come sacerdote / vescovo / papa / religioso / missionario / martire / apostolo / dottore della Chiesa, o una combinazione di questi, ma mai come vergine. Anche se ha fatto voto di castità e non ha mai fatto sesso nella sua vita, non viene mai chiamato vergine.

Ciò può essere dovuto al fatto che la parola vergine è stata tradizionalmente applicata alle donne che non hanno avuto rapporti sessuali.

È anche vero che la venerazione della verginità non è un'invenzione cattolica. Risale all'antica Roma e al culto della vergine vestale. L'umanità - una parola migliore qui del genere umano - ha sempre posto le vergini sui piedistalli.
Ma è appropriato che la chiesa di oggi abbia un'ossessione simile? Sostenere la verginità - a differenza, per esempio, della castità che è una cosa diversa, sembra non solo sessista ma anche una rivendicazione come se fosse lo stato ideale al di sopra e al di sopra di tutti gli altri.

Cosa dice questo alle donne (e agli uomini) che non sono vergini? Che cosa dice alle donne sposate, alle vedove, ai divorziati e a tutti coloro che hanno sperimentato l'intimità sessuale al livello più profondo?
Che cosa dice della chiesa e del suo rapporto con il sesso?
Certo, la verginità va bene per coloro che la scelgono, la purezza è meravigliosa e la castità consacrata è nobile, ma lo sono anche e allo stesso modo lo stato di sposa, la genitorialità e la vita da single.

I cristiani onorano Maria, la madre di Gesù, non per la sua verginità perpetua, ma per il ruolo unico che ha svolto nella storia della salvezza. Il suo "sì" al piano di Dio per lei è incalcolabilmente più importante del fatto che abbia mai fatto sesso.
Questo vale anche per le altre donne sante. Il modo in cui hanno vissuto il Vangelo è ciò che le rende sante. La loro fedeltà alle loro promesse battesimali è ciò che le rende sante. Se hanno mantenuto la loro verginità è molto meno significativo del fatto che erano vere seguaci di Gesù.


Condividi con noi!
  • 279
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

1 pensiero su “La Chiesa, le donne e il culto della verginità

  1. Giampietro

    Quando due o più sono uniti nel mio nome, io sono in mezzo a loro.
    Questo è Gesu Cristo nel matrimonio e nella chiesa.
    La Madonna del matrimonio a fatto come ponzio pilato
    uomo sposato che porta la croce del matrimonio..

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *