Vai al contenuto

1

di Robert Mickens - versione originale qui

Continuiamo a sentire parlare di “incidenti” cosa che fa capire che i cattolici - e, in particolare, i loro vescovi - hanno imparato molto poco dalla crisi di abusi sessuali del clero.

Questo è abbastanza allarmante e deprimente, perché la Chiesa in Nord America si occupa da almeno trent'anni, se non da quarant'anni, di questioni che riguardano sacerdoti che abusano di bambini e adolescenti.

I cattolici in Gran Bretagna, Irlanda e Australia si trovano ad affrontare questa "piaga" da quasi altrettanto tempo. E quelli dei Paesi del Nord Europa hanno cominciato a fare i conti più apertamente con gli abusi tra le file clericali poco dopo il volgere del millennio.

Negli ultimi anni, anche i cattolici del resto del mondo sono stati costretti ad ammettere che anche nei loro Paesi si verificano ricorrenze di abusi sessuali da parte di sacerdoti.

Questo include luoghi negli ex bastioni cattolici dell'America Latina e dell'Europa meridionale, il continente africano, in gran parte omofobico, e la distesa asiatica, per lo più non cristiana.

Sembra che ovunque 2 o 3 (centomila) persone si riuniscano in nome del cattolicesimo, ci siano abusi sessuali da parte del clero in mezzo a loro.

Il sesso fa diventare ciechi i cattolici

Come cattolici, non ci piace sentirlo. E non vogliamo nemmeno ammetterlo. Ma quel che è peggio è che molti di noi non vogliono vedere - o forse siamo troppo accecati dalla cultura e dalla storia per vedere - cosa sia davvero l'abuso sessuale.

Non si tratta di sesso.

Lo ripeto, e vi chiedo di fermarvi a pensarci un attimo. Non si tratta di sesso.

Per la maggior parte dei cattolici, questo è probabilmente ancora più difficile da sentire, perché non ci occupiamo molto bene delle questioni sessuali. I confusi insegnamenti della Chiesa sull'argomento tendono a rendere la sessualità umana un idolo o (e, per fortuna, questo è meno comune oggi) qualcosa di sporco.

Le reazioni alle recenti rivelazioni che Jean Vanier ha abusato sessualmente di diverse donne ne sono la prova.

Il laico franco-canadese, che era visto come una specie di santo vivente per il suo straordinario lavoro con i disabili mentali, non era colpevole di aver commesso peccati contro il Sesto Comandamento.

Almeno non principalmente, così mi sembra chiaro.

Le donne dicono che Vanier ha abusato di loro sessualmente. Ma dicono anche che lo ha fatto con il pretesto di una sorta di spiritualità mistica.

Per quanto questo sia stato un abuso sessuale in senso fisico, è stato ancor più un abuso spirituale di queste donne, nel modo in cui ha usato le cose di Dio per manipolarle o controllarle.

Jean Vanier ha usato la spiritualità come un modo per ottenere ciò che l'altra persona non avrebbe o non potrebbe offrire liberamente.

Non ho mai sentito nessun teologo o predicatore parlarne in questo modo, ma sono convinto che questo significhi violare il Secondo Comandamento: "Non nominare invano il nome del Signore tuo Dio".

Ci sono persone nella Chiesa, specialmente tra i ministri ordinati (diaconi, sacerdoti e vescovi), ma anche tra i capi laici con un certo carisma (come Vanier), che lo fanno in vari modi.

Usando il proprio status religioso

Usano la loro posizione nella Chiesa o la loro autorità spirituale per soddisfare i propri bisogni o desideri egocentrici.

Lo fanno - e spesso con poca consapevolezza di sé, mi sembra - convincendo le persone in nome di Dio a dare loro denaro, sesso, onori, informazioni private sugli altri e ogni sorta di cose.

I tele-evangelisti che si arricchiscono vendendo il cosiddetto "Vangelo della prosperità" ne sono l'esempio più odioso e plateale. Alcuni ordini religiosi cattolici che ingannano le vedove e altre persone ricche non sono migliori.

Tendiamo a guardarli con disapprovazione e giustamente.

Eppure non riusciamo a vedere come i nostri buoni sacerdoti e vescovi - e altri leader spirituali carismatici - possano cadere nella stessa tentazione di usare il loro status religioso (e, spesso inconsapevolmente!) per alimentare i loro bisogni personali.

E quando dico "noi", intendo tutti noi cattolici. Tendiamo ad essere ciechi di fronte a questa realtà. Non vogliamo vederla.

Probabilmente non è un caso che in una Chiesa (e in una società) dominata dagli uomini, la stragrande maggioranza di coloro che si approfittano sessualmente o spiritualmente degli altri sono uomini.

Il desiderio degli uomini di manipolare o addirittura di abusare di coloro che sono più deboli o sotto la loro autorità - donne, altri uomini, adolescenti o bambini - è probabilmente rafforzato, anche inconsapevolmente, dal semplice fatto che gli uomini hanno sempre potuto farlo in un sistema patriarcale come quello della Chiesa.

Il patriarcato e il suo primogenito, il clericalismo, hanno permesso agli uomini di Dio di violare il vero significato del Secondo Comandamento, probabilmente fin dai tempi in cui i giganti della nostra fede camminavano sulla terra.

Continueranno a farlo fino a quando le donne non diventeranno veramente membri uguali della Chiesa, uguali agli uomini ad ogni livello di autorità decisionale e ad ogni livello di servizio ministeriale. Non arriveremo alla radice della crisi della Chiesa finché questo non accadrà"

di Jamie Manson - versione originale su NCR online

Forse nessuno è stato meno sorpreso di me la settimana scorsa, quando l’esortazione apostolica Querida Amazzonia di Papa Francesco non ha mostrato alcuna apertura al diaconato femminile e si è invece caricata del linguaggio della complementarietà di genere nella sua discussione sulle donne.

Per anni ho usato questa rubrica per documentare le convinzioni di Francesco sulle donne e per supplicare i lettori di essere onesti su come il suo pensiero limiterebbe seriamente le possibilità di un reale cambiamento per le donne nella Chiesa. A partire dalla sua descrizione del femminismo come "maschilismo con la gonna" all'inizio del suo pontificato nel 2013 fino alla sua titubanza del 2019 sulle donne diaconi, ho scritto su questo argomento almeno 20 volte negli ultimi sette anni.

L'ho fatto non per suonare come un disco rotto - anche se certamente l'ho fatto - ma piuttosto per risparmiare a me stessa e alle mie compagne di chiesa lo strazio che sapevo sarebbe venuto. A meno che Francesco non andasse oltre la teologia della complementarietà, le donne non avrebbero mai ricevuto la giustizia che meritano dalla loro chiesa, un'istituzione che servono, per la quale si sacrificano e che molto spesso sostengono da sole. Il Papa, purtroppo, non ha mai mostrato alcun segno di cedimento.

Ciò che mi ha sorpreso, tuttavia, è stato il rifiuto di Francesco di affrontare l'ordinazione degli uomini sposati in zone come l'Amazzonia, dove i cattolici a volte rimangono senza l'Eucaristia per più di un anno. Per anni avevo previsto che la riverenza del Papa per la paternità e il suo dichiarato desiderio di scoraggiare gli omosessuali dal sacerdozio, avrebbero fatto di questo una conclusione scontata.

Non posso fare a meno di pensare che la mancata risposta del Papa alla richiesta dei padri sinodali di ordinare uomini sposati è stata la ragione per cui Querida Amazzonia ha fatto notizia, anche nei media laici.

Quanto disappunto e indignazione sarebbero scoppiati se il Papa avesse proceduto con l'ordinazione degli uomini sposati, ma le sue parole retrograde sulle donne fossero rimaste le stesse? Dopo sette anni di attenta osservazione di questo papato, sono certa che la questione delle donne sarebbe stata completamente persa nella celebrazione del trionfo per gli uomini sposati che sarebbe scoppiata e Francesco sarebbe stato acclamato come un eroe progressista.

Ma invece tutti i laici rimangono fuori al freddo. E Francesco, sembra, è frustrato quanto noi. Il giorno dopo il rilascio di Querida Amazonia, il Catholic News Service ha riferito che Francesco ha detto a un gruppo di vescovi americani che era costernato per essere stato accusato di non aver mostrato coraggio. La persona da biasimare, sembra suggerire, è lo Spirito Santo.

“Il Sinodo riguarda l'azione dello Spirito Santo e il discernimento dello Spirito Santo. E se non c'è lo Spirito Santo, non c'è discernimento", ha detto l'arcivescovo Thomas Wenski di Miami in una parafrasi del Papa.

Ma io ero al Sinodo dei Vescovi per l'Amazzonia, e mi è sembrato, a me e a molti altri che ascoltavano, che lo Spirito Santo parlasse forte e chiaro, in particolare sul tema dell'emancipazione delle donne.

In ogni conferenza stampa a cui ho partecipato, sono rimasta sbalordita nel sentire non solo le donne, ma anche i sacerdoti e persino alcuni vescovi, parlare con coraggio della necessità di elevare in qualche modo le donne e di onorare la loro dignità formalizzando ed espandendo i loro ministeri.

Non dimenticherò mai le parole di Suor Roselei Bertoldo, suora missionaria del Cuore Immacolato di Maria: 

"Noi siamo la chiesa, e facciamo la chiesa", ha detto. Chiediamo di partecipare in modo più efficiente a livello decisionale. Stiamo iniziando questo cammino. Non saremo silenziose; vogliamo spazio, e stiamo iniziando a costruire quello spazio".

E il voto dei padri sinodali ha rafforzato questo desiderio. Alla fine, il voto per considerare l'ordinazione sacerdotale degli uomini sposati ha ricevuto 128 voti sì e 41 no. E la proposta di riaprire la discussione sui diaconi donne ha ricevuto 137 voti sì e 30 no.

Sono stata anche al Sinodo dei Vescovi del 2018 sui giovani, la fede e il discernimento vocazionale, dove nel loro documento finale i padri sinodali hanno affermato che è un "dovere di giustizia" affrontare "la presenza delle donne negli organismi ecclesiali a tutti i livelli, anche nei ruoli di responsabilità, e la partecipazione delle donne ai processi decisionali ecclesiali, nel rispetto del ruolo del ministero ordinato".

Così l'affermazione, come quella di Mauricio López Oropeza, che l'inclusione di uomini e donne sposati nel ministero sacramentale sono in qualche modo preoccupazioni ideologiche dei cattolici occidentali, privilegiati, semplicemente non è vera. Lo chiedevano sia il clero che i laici di tutta l'Amazzonia, e queste questioni sono state sollevate nei documenti finali degli ultimi due sinodi. Se questo non è un segno dello Spirito Santo, non so cosa lo sia.

Quindi forse l'ostacolo non è lo Spirito Santo, ma piuttosto il punto cieco che Francesco ha sulle donne, un difetto che è così stridente data la visione sacramentale del mondo altrimenti notevole del Papa.

Molti progressisti sono arrivati ad amare Francesco perché egli comprende ed esprime la profonda convinzione cattolica che Dio è veramente ovunque. La sua immaginazione sacramentale traspare in Querida Amazzonia. Le sue citazioni da "Laudato Si', sulla cura della nostra casa comune" ci ricordano che la sua enciclica sull'ambiente è un capolavoro dell'immaginazione cattolica, e la sua netta preferenza per i poveri dimostra che egli vede veramente il Cristo crocifisso nel volto dei poveri e sente un Dio sofferente nelle grida degli afflitti.

Nella sua comprensione sacramentale della terra e dei poveri, Francesco mostra ciò che è vero e bello e che dà vita alla tradizione cattolica. E questo è ciò che rende le sue parole sulle donne così acutamente dolorose. La sua incapacità di vedere Dio pienamente vivo e incarnato attraverso il lavoro e il ministero delle donne si sente come un tradimento da parte di un uomo che altrimenti vede il sacramento ovunque.

Sulla scia di Querida Amazzonia, dobbiamo chiederci: perché l'immaginazione sacramentale di Papa Francesco si ferma quando si tratta di donne?

La domanda è importante perché ha un profondo impatto su come riusciremo a realizzare la giustizia per le donne, in particolare in luoghi come l'Amazzonia.

Durante una delle conferenze stampa del sinodo amazzonico, Judite da Rocha, coordinatrice nazionale del Brasile per le vittime delle dighe idroelettriche, ha fatto il collegamento tra l'idea sessista che le donne non sono uguali e il trattamento delle donne e delle terre amazzoniche.

"C'è la sensazione che gli uomini si prendano cura della Terra e le donne si prendano cura dei dettagli", ha detto da Rocha, aggiungendo che questa disparità nei ruoli di genere dà luogo a violenza domestica, molestie sessuali e sfruttamento.

Le parole di Da Rocha mi sono tornate in mente due giorni dopo l'uscita di Querida Amazonia, quando la NCR ha pubblicato il commento inquietante di Carli Pierson sugli orrori del femminicidio in Messico. Il femminicidio è "l'uccisione delle femmine da parte dei maschi perché sono femmine", ed è diventato una tale epidemia in Messico che alcuni ritengono che dovrebbe essere dichiarato un'emergenza nazionale.

Pierson dice che almeno un sacerdote, p. Alejandro Solalinde, un attivista per i diritti umani, ha fatto l'importante collegamento tra l'insegnamento della chiesa e la sofferenza delle donne. Solalinde, scrive, "si è scusato con le donne messicane che hanno subito "discriminazioni, maltrattamenti o sono state uccise". Si è anche scusato per la Chiesa cattolica, " che ha trasmesso pregiudizi patriarcali e maschilisti". "

Possa il nostro prossimo Papa essere in grado di collegare il sessismo della Chiesa alla sofferenza globale delle donne, e possa essere disposto a parlarne senza paura.

 di Joseph D’Souza (primate della chiesa protestante "Del buon Pastore" - India)

Versione originale apparsa su Newsmax.com

Per quasi 30 anni, alle donne in età mestruale in India è stato vietato l'ingresso nel tempio di Sabarimala nel Kerala. Questo potrebbe presto cambiare, quando la Corte Suprema dell'India esaminerà la costituzionalità del divieto.

Decretato dall'alta corte del Kerala nel 1991, il divieto impedisce alle donne in età mestruale - da 10 a 50 anni - di entrare nel tempio. Secondo la tradizione, il tempio ospita il santuario di Lord Ayyappa, una divinità indù celebrata per il suo celibato e la presenza di donne in età mestruale lo contaminerebbe.

Il divieto è stato revocato l'anno scorso, dopo che la Corte Suprema ha stabilito che violava i diritti di culto delle donne, ma la sentenza è stata immediatamente contestata da dozzine di petizioni di revisione e il governo dello stato sta ancora vietando l'ingresso alle donne. Ogni volta che le donne hanno tentato di adorare nel tempio, sono state fermate dalla polizia e dai manifestanti.

Ho già parlato di Sabarimala e del suo significato per i diritti spirituali delle donne indiane. Sabarimala è la seconda destinazione di pellegrinaggio più grande del mondo, dopo la Mecca in Arabia Saudita. Più di 30 milioni di pellegrini indù visitano il tempio ogni anno.

La triste verità è che il tempio di Sabarimala non è che una storia nella più grande narrazione della lotta delle donne per i loro diritti spirituali. Nel corso della storia e fino ad oggi, alle donne di tutte le principali religioni del mondo è stato negato l'uguaglianza di accesso ai siti di culto e gli è stato impedito di ricoprire posizioni di comando.

Ad esempio, in molte moschee le donne sono separate dai principali servizi di preghiera e persino negato l'ingresso.

In India, anche il diritto delle donne ad entrare nelle moschee viene esaminato dalla Corte Suprema. In Francia e in America alcune donne hanno preso in mano la situazione e fondato le proprie moschee, anche se non senza affrontare sfide significative. E in Arabia Saudita, le donne di età inferiore ai 45 anni che vogliono fare il pellegrinaggio hajj alla Mecca devono essere scortate da un tutore maschio. Le donne anziane godono di un minimo di libertà: possono fare il pellegrinaggio con un gruppo organizzato, ma hanno ancora bisogno di una lettera notarile di "nessuna obiezione" da parte di marito, padre o figlio. Sono stati fatti tentativi persino di tenerle fuori dal sito più santo dell'Islam, la Kaaba alla Mecca.

Naturalmente, la chiesa cristiana non è esente dal commettere questo errore. La questione dei diritti spirituali delle donne è stata un grande punto cieco della chiesa nel corso dei secoli. In effetti, scrivo questo come vescovo che crede nelle antiche credenze e nella tradizione della chiesa primitiva, abbiamo permesso alla cultura, anziché alla Scrittura, di inquadrare i diritti e i doveri spirituali degli uomini e delle donne nella chiesa. È tanto evidente quando un autore influente come John MacArthur afferma che Beth Moore, una popolare insegnante di Bibbia, dovrebbe “tornare a casa” e non avere il permesso di predicare.

Mi chiedo se abbiamo dimenticato che Gesù ha ridefinito radicalmente - o meglio detto, restaurato - la posizione delle donne come uguali portatrici dell’immagine di Dio nel suo regno? In un'epoca in cui le posizioni religiose erano in gran parte riservate agli uomini, le donne non erano solo una parte fondamentale del ministero di Gesù, ma avevano anche lo stesso status di discepole. La storia di Marta e Maria, due sorelle che seguirono Gesù, ne è un esempio.

La storia viene spesso usata come un racconto di ammonimento sul pericolo di occuparsi così tanto delle faccende che da perdere l'aspetto spirituale del ministero, ma ha un sottotesto sulla posizione delle donne che viene spesso ignorato.

Il Vangelo di Luca dice che Marta si agita attorno a casa sua preparandola ad ospitare Gesù e i 12 discepoli, mentre Maria siede ai piedi di Gesù, ascoltando il suo insegnamento. Sconvolta dal fatto che sua sorella non la stia aiutando, Marta va da Gesù - un fatto significativo dato che avrebbe potuto parlare direttamente con sua sorella - e, di fronte a tutti i presenti, gli chiede essenzialmente di mettere Maria al suo posto.

Ma Gesù fa il contrario. Egli risponde: "Maria ha scelto ciò che è meglio e non le sarà tolto" (Luca 10:42).

Come studioso del Nuovo Testamento N.T. Wright spiega che, per comprendere appieno il significato della straordinaria risposta di Gesù, dobbiamo comprendere il contesto culturale. I ragazzi ebrei che volevano diventare insegnanti di legge seguivano un rabbino e si sedevano ai suoi piedi quando insegnava. Dicendo che Maria poteva sedere ai suoi piedi, Gesù stava affermando il pieno status di Maria come discepola.

L'argomentazione secondo cui uomini e donne sono uguali, ma hanno ruoli diversi nella chiesa a causa del loro genere appare  vuota quando guardiamo al Nuovo Testamento. Lo Spirito Santo non è sceso allo stesso modo su uomini e donne e ha dato a entrambi l'accesso a tutti i doni spirituali? Il ruolo di una persona nella chiesa non si basa sul genere, sull'etnia o addirittura sull'abilità, ma si basa su doni spirituali. Se una donna ha il dono dell'insegnamento, allora dovrebbe insegnare e non essere ostacolata.

Il Nuovo Testamento ha molti esempi di donne che ricoprono un ruolo di primo piano nella chiesa del I secolo, tra cui Priscilla, che con suo marito Aquila ha seguito il compagno di Paolo, Apollo, le quattro figlie di Filippo Evangelista che erano profetesse e una apostola di nome Junia.

Avendo passato due decenni ad occuparmi dei diritti umani e civili dei gruppi emarginati, mi sono convinto che la forma più perniciosa di discriminazione umana non sia razziale, etnica o religiosa. È la discriminazione contro le donne. Trascende il razzismo, la superiorità etnica e l'intolleranza religiosa perché è presente in tutte le razze, etnie e religioni.

Per fare un passo ulteriore, credo che negare alle donne i loro pieni diritti spirituali sia la causa sottostante dell'oppressione delle donne in molte culture. Se uomini e donne sono spiritualmente uguali, allora dovrebbero essere uguali sotto tutti gli aspetti.

Sono incoraggiato che ci siano movimenti all'interno del cristianesimo per cambiare questa ingiustizia. Papa Francesco, per esempio, ha fatto pressioni affinché le donne fossero ordinate diaconi nella Chiesa cattolica. Negli ultimi decenni la Chiesa anglicana ha lavorato per ordinare donne sacerdote. Le tradizioni pentecostali e carismatiche hanno donne come pastori e persino leader di movimenti.

C'è ancora molta strada da fare per dare alle donne i loro pieni diritti spirituali. Ma spero che casi come quelli dinanzi alla Corte suprema in India aiuteranno a correggere questo errore. Non possiamo permettere alle tradizioni culturali di nessuna religione di calpestare i diritti fondamentali e la dignità delle donne come esseri umani completi.

1

di Rebecca Bratten Weiss

Versione originale comparsa su Patheos.com

Negli ambienti cattolici conservatori in cui sono stata educata, era comune per chi parlava o scriveva di questioni di genere riferirsi a Maria Madre di Gesù come un ideale femminile. Le giovani donne erano ammonite di imitare Maria nella purezza, mansuetudine, umiltà e obbedienza. L'immagine che ci è stata presentata era di una ragazza silenziosa e carina, addobbata in abiti voluminosi, con la testa china e lo sguardo basso.

E Maria era di solito raffigurata come bianca, ovviamente. Perché il candore corrisponde alla purezza, è chiaro, e le giovani donne caucasiche hanno bisogno di vedere un modello che somigli a loro.

"Maria ama la modestia" era l'ideale della moda. La sottomissione femminile alle autorità, in particolare le autorità maschili, era la virtù obbligatoria. Restava inteso che se ci fossimo sposate avremmo seguito lo schema stabilito da Maria nella sottomissione e obbedienza della moglie.

Questo approccio all'identità femminile può rovinare la salute mentale e deformare la coscienza a seconda che se si sia brave o meno. Io non sono mai stata molto brava in questo, quindi "Mary like modesty" e "sottomissione femminile" hanno finito per essere catalizzatori, per me, di quella famosa colpa cattolica di cui sentiamo così tanto parlare.

Mi è stato ricordato di quanto sia dannosa questa cultura, di recente, quando un gruppo di cattolici di estrema destra stava discutendo la questione della sottomissione femminile. Il contesto era questo: una donna aveva scritto pubblicamente che il suo fidanzato le aveva chiesto di smettere di indossare i tacchi alti e che lei aveva accettato. Mentre i tradizionalisti di estrema destra l'hanno elogiata per questo, altri, anche sacerdoti cattolici, l’hanno considerato problematico. Un uomo che impone preferenze di moda a una donna, e non dicendo "questo è solo un mio gusto", ma sotto forma di un mandato morale? Questa è la ricetta per un abuso.

E non è cristiano.

Essendo appena tornata da una lettura del racconto evangelico dell'Annunciazione, la mia risposta a questa discussione è stata: da dove proviene questa ossessione per il considerare l'idea di "obbedienza femminile" come cristiana?

Sono contenta che la mia emancipazione da una struttura di potere patriarcale, che si appropria dell'insegnamento di Gesù, abbia raggiunto questo punto. Sono felice di poter finalmente vedere che loro, e non io, sono quelli che distorcono e tradiscono il Vangelo.

Sì, abbiamo alcuni passaggi nel Nuovo Testamento in cui gli scrittori maschi dicono alle donne di sottomettersi ai loro mariti, ma ciò che mi colpisce di quei passaggi non è "quanto siano rivoluzionari e cristiani", ma piuttosto "quanto sia conforme a quel tempo". Ci si aspettava mitezza e obbedienza dalle mogli nella cultura patriarcale dell'impero romano e della Palestina ebraica. Quando Pietro, Paolo e Timoteo affermano che "le donne dovrebbero essere sottomesse", non sembrano seguire Cristo. Sembra che stiano dicendo a questi cristiani radicali di conformarsi alla cultura dominante del mondo in cui vivono.

Perché nella storia della Natività, nulla delle azioni di Maria mi sembra sottomesso agli uomini. Quando l'angelo le si avvicina con un annuncio sorprendente non chiede il permesso né a suo padre né al suo fidanzato. E la decisione che prende è quella che potrebbe farla lapidare a morte dalla sua comunità, lei lo sa, ma è comunque d'accordo. "Sono l'ancella del Signore", dice, non la serva di nessun uomo.

Non vediamo molto di Maria nei Vangeli. Ma quando la vediamo, non si comporta in modo particolarmente mansueto o sottomesso. Quando sente che Elisabetta è incinta "si precipita" a farle visita, non aspettando il permesso di lasciare la sua casa o chiedendo un accompagnatore maschio. Quando arriva ed Elisabetta sente il miracoloso movimento del bambino dentro di sé, la risposta di Maria è cantare un canto di lode per il quale avrebbe potuto essere arrestata come rivoluzionaria:

L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,

perché ha guardato l’umiltà della sua serva.
D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.

Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente
e Santo è il suo nome:

di generazione in generazione la sua misericordia
si stende su quelli che lo temono.

Ha spiegato la potenza del suo braccio,
ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore;

ha rovesciato i potenti dai troni,
ha innalzato gli umili;

ha ricolmato di beni gli affamati,
ha rimandato i ricchi a mani vuote.

Ha soccorso Israele, suo servo,
ricordandosi della sua misericordia,

come aveva promesso ai nostri padri,
ad Abramo e alla sua discendenza, per sempre.

Maria appare alle Nozze di Cana e riesce a comandare sia suo figlio che i domestici. Da un lato, questo mi sembra esattamente cosa farebbe una madre ebrea organizzata e piena di buon senso in un evento, quando vede le cose andare male e vuole sistemare la situazione. Ma sta anche prendendo in mano il miracoloso - decidendo da sola quando è arrivato il momento che suo figlio, inizi il suo ministero terreno. Mostra un'autorità spirituale sulla festa, che assume un significato liturgico a causa del lavoro miracoloso che Gesù compie lì. Se il matrimonio di Cana era una prefigurazione della Messa, era una prefigurazione in cui una donna stava presiedendo.

Più tardi, vediamo che lei e le altre donne stanno al fianco di Gesù durante la sua condanna, tortura e morte. La maggior parte degli uomini fugge, ma le donne sfidano l'autorità romana e la leadership religiosa. Restano.

Maria nei Vangeli agisce in accordo con una lunga serie di donne che generano la volontà divina attraverso comportamenti indisciplinati. Sì, anche Eva. Se dobbiamo dire, come cristiani, "o felice colpa" - dobbiamo dare credito alla donna per questo. La disobbedienza di Eva può essere deplorata dai capi religiosi maschi, ma è ripetuta e reiterata attraverso le scritture ebraiche nelle storie di Sara, Rebecca, Rachele ed Esther, che hanno tutte disobbedito e sfidato gli uomini nelle loro vite. Poi abbiamo Ruth, che di notte si è insinuata nel letto del suo capo - e Giaele che ha conficcato un paletto da tenda nella testa di un generale - e Giuditta, che ha completamente tagliato la testa di un altro generale.

La storia delle donne che portano avanti la storia della salvezza sia nell'Antico che nel Nuovo Testamento è una storia di sregolatezza, non di sottomissione. Il modello che Maria di Nazareth ci presenta è quello di un'audace autonomia, una donna che rivendica una linea diretta con Dio, invece di rinviare a un uomo come rappresentante di Dio.

Capisco quanto debba essere stato snervante per gli uomini in quel momento, anche per quelli che seguivano Gesù. Sembra che i suoi discepoli maschi siano rimasti perplessi dalla presenza delle donne nel seguito, cercando di scacciarle e tenere il loro insegnante tutto per sé. Ma Gesù non lo permise.

I successori di questi discepoli maschi sembrano aver svolto la missione di allontanare le donne, piuttosto che quella di seguire l'esempio di Gesù che ha cancellato le distinzioni tra uomo e donna, ricco e povero, ebreo e gentile. E oggi le ossessioni per un falso ideale della femminilità cristiana ci portano ancora più lontano dagli esempi di Gesù e di Maria. Chi sta servendo una donna, quando decide di essere sottomessa agli uomini, di accettare i desideri maschili, di essere passiva nei confronti dell'autorità patriarcale? Sta servendo gli uomini, i loro desideri, il loro orgoglio.

Non sta servendo Dio.

2

La mia storia di vita consacrata comincia con una gravidanza in giovane età al di fuori del matrimonio. Potrebbe sembrare che in quest’incipit ci sia un ossimoro ed invece sono due realtà che convivono armoniosamente in me. Vengo da una famiglia dove l’essere donna “autonomamente organizzata” è ancora una rivendicazione ed una conquista. Dopo una convivenza ed una separazione devastanti, la mia salvezza in quei momenti e la mia rinascita nei succesivi è stata la teologia: menti illuminate di sacerdoti e religiosi mi hanno aiutata a risollevarmi, credendo fortemente nelle mie capacità. Ho avuto l'opportunità di fare diverse esperienze, ma il mio primo amore è sempre stato la vita consacrata. A 14 anni ho avuto un primo desiderio di entrare in un monastero di clausura, ma per la mia famiglia era un problema anche la mia partecipazione alla Messa domenicale; quindi non ho avuto l'opportunità di una guida costante che mi aiutasse a coltivare questo seme.

...continua a leggere "Testimonianza 28"

2

Come Donne per la Chiesa abbiamo seguito il Sinodo appena concluso con grande attenzione, nella preghiera e nella mobilitazione, grate che la Chiesa abbia scelto l’Amazzonia e la sinodalità per rispondere alle sfide del nostro tempo, anche se convinte che l’impossibilità per le madri sinodali di partecipare alle votazioni abbia rappresentato un vulnus nell’intero processo. Il documento finale che è stato reso noto nei giorni scorsi parla di una Chiesa che vuole con tutte le sue forze porsi dietro ai passi del Maestro, scegliendo i poveri e facendo proprio il loro volto: volto indigeno, campesino, afrodiscendente, migrante. ...continua a leggere "La nostra riflessione sul documento finale del Sinodo per la Regione Panamazzonica"

4

da Roma

di Deborah Rose-Milavec (FutureChurch)

Ho avuto sorelle e amiche che hanno avuto travagli durati lunghe ore. Una delle mie amiche è stata in travaglio per 48 ore. Era completamente sfinita al momento del parto.

Ma il travaglio più lungo registrato fino ad oggi è stato di 75 giorni! Una donna polacca che perse uno dei suoi tre gemelli, riuscì a mantenere in vita gli altri due bambini tenendo i piedi sopra la testa per 75 giorni fino a quando i bambini potevano nascere, in modo sicuro.

Penso che la maggior parte delle madri faccia tutto ciò che deve fare per portare un bambino al sicuro in questo mondo e per tenerlo al sicuro dopo la nascita.

Stasera nella sala stampa, mentre leggevo il documento finale, ho sentito le fitte di un travaglio che è andato avanti all'infinito, così a lungo per così tante donne e i loro alleati. ...continua a leggere "Il documento finale del Sinodo Amazzonico: diaconato alle donne, quanto durerà ancora il travaglio?"

di Maura Bertini

Una bella domenica di giugno, delegata da Paola Lazzarini, mi trovo a rappresentare “Donne per la Chiesa” all’annuale assemblea di “Noi Siamo Chiesa”, aderente all’“International Movement  We Are Church”.  Motivo del gentile invito è il tema principale della riunione: il ruolo delle donne. In effetti non potevamo mancare!

Mi muovo di primo mattino alla volta della Cascina Contina, nella campagna a sud-ovest di Milano. Solo il luogo vale il viaggio. La Contina è una grande cascina ristrutturata nella quale vivono, in diverse abitazioni, famiglie che accolgono persone  provenienti da una storia di disagio sociale. Il luogo è gradevole e curato e l’accoglienza dei padroni di casa ottima. Il verde intorno fa il resto.

Veniamo però al motivo del mio scritto e cioè l’assemblea di “Noi Siamo Chiesa”.  Cronaca: alla presentazione del coordinatore nazionale, Vittorio Bellavite, segue l’ascolto di  donne appartenenti a diversi gruppi, ben coordinate da Giuseppina Perruccidi NSC. Sono belle storie, belle esperienze, stili e modi diversi di partecipazione alla vita ecclesiale e sociale e tante sintonie.

Antonella Madella appartiene all’Ordine della  Sororità di Mantova (“un gruppo di donne convocate dallo Spirito Santo per vivere la fede cristiana secondo la differenza femminile nella Chiesa cattolica locale” così si definiscono). Antonella parla della regola di vita della Sororità, di ciò che la ispira, sottolinea il discorso del riconoscimento che per ogni persona è importante, ma di solito non ci si aspetta che venga da una donna. Ricorda l’episodio evangelico della Visitazione nella quale Maria “riconosce” Elisabetta come donna nella quale Dio ha compiuto meraviglie. Per le Comunità Cristiane di Baseinterviene Grazia Villa:   racconta, tra le varie esperienze, quella del  sinodo europeo delle donne a Barcellona nel 2003 (tale partecipazione le aprì allora piste inedite di riflessione nate dall’incontro con donne credenti  di diverse provenienze, in particolare ricorda il tema della ricerca e rappresentazione del divino). E’ la volta di Antonella Marinoni(Spazio Asmara ed equipe Decapoli). E’ sempre interessante ascoltarla sui percorsi formativi e missionari che profumano di profezia. Antonella ricorda l’incontro con le donne in Cambogia, gli incontri biblico-teologici e il percorso con Decapoli nella Chiesa di Milano sul tema del clericalismo. Dice Antonella che, per quanto riguarda il ruolo delle donne, in gioco non ci sono rivendicazioni ma la vita stessa e la salute della Chiesa!Elza Ferrariodelinea genesi e attività dell’Osservatorio interreligioso sulle violenze contro le donne. Elza sottolinea  inoltre che le domande che le donne pongono alle Chiese non dovrebbero interessare solo le donne ma tutti coloro che hanno a cuore il Cristianesimo. Le domande delle donne mettono in luce la fragilità e l’inadeguatezza di molti modelli ecclesiali e pertanto possono offrire spunti di miglioramento e di ricerca. Gabriella Cappielloporta un interessante contributo sull’impegno  come ginecologa e come rappresentante dell’Associazione  “Amiche e Amici della Cittadella”. Antonietta Cargnelinterviene in quanto donna con ricco bagaglio di esperienze nella Chiesa, a partire dal suo impegno giovanile in Azione Cattolica. Richiama l’importanza della relazione tra diversi nel segno del riconoscimento dell’altra persona come autonoma, che può e deve prendere decisioni. Nelle relazioni è essenziale conservare la dialettica, saper vivere il conflitto che nasce dal riconoscimento che l’altro non corrisponde alle aspettative. Quali relazioni coltiviamo nella Chiesa?

Per parte mia, racconto come è nata l’esperienza del gruppo “Donne per la Chiesa”sfociata recentemente nella nascita dell’Associazione, cito dal manifesto i criteri della nostra presenza – assertività, libertà, alleanze. Poi espongo le linee guida per la  programmazione futura: 1) accrescere la consapevolezza che le donne hanno ancora molto da dare e da dire in vari ambiti e a vari livelli nella Chiesa e nella vita sociale, 2) agire come lievito nella pasta nei luoghi in cui viviamo, 3) cercare l’equilibrio tra le istanze anche urgenti che ci abitano e le attenzioni alle persone che incontriamo e frequentiamo, perché comprendano il senso profondo del nostro impegno libero, disinteressato, amorevole verso la Chiesa, 4) curare la formazione, 5) fare alleanze con coloro che hanno a cuore le questioni che riguardano le donne e la conversione missionaria e sinodale della Chiesa, 5) avviare cammini insieme ai fratelli e le sorelle di altre Chiese cristiane e di altre religioni, 6) avviare percorsi formativi e culturali anche al di fuori delle Chiese, 7) coltivare la partecipazione ad attività  promosse da partner internazionali, quali ad esempio Voices of faith. Conclude la mattinata Zuzanna Flisowska, giovane responsabile dell’ufficio italiano di Voices of faith con sede a Roma. Si respira aria internazionale quando parla delle campagne promosse per valorizzare le donne nella Chiesa cattolica e per promuovere la loro partecipazione a ruoli decisionali. Zuzanna cita la raccolta firme per la partecipazione al voto delle superiore religiose al sinodo sui giovani e invita ad aderire singolarmente o come gruppi  alla campagna  2019 online overcomingsilence.

Portiamo tutto ciò che abbiamo ascoltato all’interno della Santa Messa. La cura attenta della liturgia e quanto vissuto insieme rendono particolarmente intensa la celebrazione eucaristica. Poi, con un  allegro pranzo a base di prodotti della Cascina, ci si prepara alla discussione del pomeriggio!

 

Milano 23-06-19 Donne per la Chiesa all’Assemblea di NSC

di Anna Rotundo

In un recente e breve scritto di Enzo Bianchi su colei che la tradizione popolare conosce come la “santa degli impossibili”, santa Rita da Cascia, giustamente il priore di Bose ammette che “nel corso dei secoli santa Rita è servita a tenere molte donne silenziose, sottomesse e asservite a mariti prepotenti, ma al di là del “cattivo uso” che se ne è fatto, santa Rita resta esempio splendido dell’amore paziente che sa vincere la violenza ed edificare la pace”. Protettrice delle donne maltrattate, ma anche consolatrice delle madri che piangono i figli morti, con le rose, la spina, le api, i fichi, tutti elementi ricorrenti nella sua iconografia, Rita sembra simboleggiare un mondo femminile ancestrale legato alla terra, alla natura e alle sue forze, ma soprattutto alla capacità delle donne di essere mediatrici di pace.

Sposata a un uomo violento, Paolo di Ferdinando di Mancino, che la maltrattava, Rita continuò ad amarlo e con pazienza convertì il cuore del marito, da cui ebbe due gemelli. Un giorno però, a causa delle lotte feroci tra Guelfi e Ghibellini, Paolo fu barbaramente ucciso: affranta dal dolore, Rita nascose la camicia sporca di sangue del marito assassinato affinchè i suoi figli non si vendicassero. Infatti nell’ambito delle faide del tempo, si usava esporre in casa gli abiti insanguinati della persona uccisa perché fossero d’istigazione alla vendetta.

Nel giro di un anno anche i due figli gemelli di Rita, Gian Giacomo e Paolo Maria, si ammalarono e morirono ancora adolescenti. Vedova e senza figli, Rita chiese di entrare nel monastero delle monache agostiniane di Santa Maria Maddalena in Cascia. Ma probabilmente dentro il monastero vi erano monache congiunte degli assassini del marito e perciò dapprima non venne accettata: di fronte alle sue insistenze, le venne chiesto, come condizione per entrarvi, di riappacificare la sua famiglia con quelle degli assassini del marito. Lei cercò e avvicinò gli assassini del marito in un perdono reciproco.

Donna mediatrice di pace, da affiancare in questo a San Francesco! Non a caso un affresco contenuto nella chiesa di San Francesco a Cascia ricordava proprio una cerimonia pacificatrice compiuta dalla Santa. Pare che suo padre fosse ciò che noi oggi chiamiamo “giudice di pace”, per cui la santa imparò la capacità di rappacificazione fin da bambina, nella sua casa, spesso visitata da gente che chiedeva proprio giustizia e pace. Un particolare curioso: sebbene nella prima metà del Quattrocento le donne che volavano erano considerate streghe, narra la tradizione come in piena notte Rita sia stata portata in volo dai suoi tre Santi protettori (Sant'Agostino, San Giovanni Battista e San Nicola da Tolentino) dallo scoglio di Roccaporena (luogo dove la Santa andava spesso a pregare) fino dentro le mura del monastero, dinanzi alle suore sbigottite dal miracolo che, quindi, finalmente la accolsero.

La storia di Rita è una storia dura, in cui sembra prevalere solo la sofferenza: negli ultimi 15 anni della sua vita una piaga dolorosa in fronte prese a tormentarla. Tuttavia, scrive Enzo Bianchi, “per questa donna di fede la ferita in fronte, sopportata continuando ad accettare di amare e di essere amata, divenne assimilazione al Crocifisso. Cos’era quella piaga? Il marchio di una malattia non definita o il segno della passione di Cristo dalla quale Rita con umiltà attingeva forza e carità? Era come una rosa rossa purpurea in mezzo alla fronte, segno e frutto dell’amore vissuto”.

1

di Jamie L. Manson (apparso su NCRONLINE.ORG)

 

Nel giugno 2016, poco dopo aver annunciato che avrebbe creato una commissione per lo studio della storia delle donne diaconi nella Chiesa cattolica, Papa Francesco ha scherzato con i giornalisti dicendo: "Quando non vuoi risolvere qualcosa, fai una commissione". Pare che, dopotutto, non stesse scherzando.

Il 7 maggio, a bordo del volo papale dalla Macedonia a Roma, Francesco ha annunciato che, dopo tre anni di studio, la commissione papale non è stata in grado di trovare un accordo e dare una "risposta definitiva" sul ruolo delle donne diacono nei primi secoli del Cristianesimo. Ha detto che restava poco chiaro se le diaconesse ricevessero o meno un'ordinazione sacramentale. ...continua a leggere "Perché la passione di Francesco per la giustizia e l’unità si arresta davanti alle donne?"