Vai al contenuto

di Raphael Rauch (tratto da Kath.Ch, originale qui )

Oggi è il giorno della diaconessa - nel giorno della commemorazione di Santa Caterina da Siena. È vero che Santa Caterina era una donna particolarmente audace e ribelle?

Peter Hünermann: Era una donna credente e la fede abbatte i cliché comportamentali così come le barriere linguistiche! 

Negli anni '90 lei ha organizzato a Hohenheim una conferenza molto apprezzata sul diaconato delle donne con un messaggio chiaro: ci sono abbastanza precedenti storici che rendono possibile il diaconato delle donne. Cosa è successo dopo la conferenza?

Hünermann: In precedenza avevo presentato un rapporto sul diaconato delle donne al Sinodo di Würzburg. È stato inviato insieme ad altri due rapporti del Sinodo a Roma. La risposta non è arrivata fino ad oggi. Negli anni '90 a seguito del congresso c’è stata la fondazione della rete "Diaconato delle donne". Abbiamo poi tenuto due corsi in cui abbiamo offerto una formazione adeguata alle donne. Abbiamo fatto tutto ciò che era possibile secondo la legge della chiesa.

Le donne supponevano che presto sarebbero state ordinate come diaconi. Cosa hanno imparato durante la formazione?

Hünermann: Solo le questioni ecclesiastiche erano escluse, come gli esercizi con la stola, l’introduzione al diritto canonico applicabile ai diaconi. Ma includeva la predicazione diaconale, un progetto diaconale di accompagnamento nella parrocchia di origine, la corrispondente introduzione a una teologia della diaconia, eccetera.

Perché il diaconato delle donne è importante per lei?

Hünermann: Il nostro obiettivo è una chiesa diaconale. La chiesa diaconale ha bisogno di uomini e donne come diaconi. Si tratta di lavorare su compiti che trascendono la vita della parrocchia e di conquistare volontari per mantenere vivo lo spirito diaconale e promuoverlo. È uno scherzo che circa l'80% del lavoro diaconale-caritativo è fatto da donne - ma le donne non possono diventare diaconi.

Il tema del diaconato per le donne è stato chiarito scientificamente - e ora è solo una questione di decisione politica?

Hünermann: Non è semplicemente una decisione politica. È una decisione che riguarda la natura della Chiesa. La chiesa che non è chiesa diaconale è una non-cosa, un pezzo di legno.

Papa Francesco ha nominato una nuova commissione di studio sul diaconato delle donne. Si tratta solo del ruolo storico della diaconessa - o anche di soddisfare le richieste del Sinodo dell'Amazzonia? Nel documento finale del Sinodo dell'Amazzonia le donne diacono non appaiono, ma durante il Sinodo la richiesta fu sollevata più volte.

Hünermann: Naturalmente si tratta di tenere presenti ambienti e situazioni pastorali così diverse dal bacino amazzonico a Manhattan o la situazione a Cuba, Guatemala o Doha.

Cosa dite ai conservatori che temono che con il diaconato delle donne arrivi anche l'ordinazione delle donne preti?

Hünermann: La paura non è mai stata una buona consigliera!

Una sua studentessa fa parte della commissione - la teologa di Friburgo Barbara Hallensleben. Sei ancora in contatto con lei?

Hünermann: Certo. Abbiamo parlato al telefono di recente.

Come si comporterà la signora Hallensleben a Roma?

Hünermann: È una teologa che lavora in modo molto indipendente e che argomenta in modo estremamente coscienzioso. Nel semestre invernale ha tenuto un seminario sul diaconato delle donne. Per questo aveva invitato un partecipante del nostro primo corso di diaconato e me ad una conferenza Zoom a più voci. Gli studenti erano molto entusiasti, come mi ha detto più tardi. 

I cattolici liberali sono infastiditi da Manfred Hauke, professore di dogmatica a Lugano, anche lui membro della commissione sul diaconato voluta da Papa Francesco. Nel 1995, ha scritto: "La natura maschile in particolare è più diretta verso il dominio del mondo esterno che quella delle donne". Ti viene in mente qualcosa di positivo da dire su Manfred Hauke?

Hünermann: È un cristiano battezzato! Il padre benedettino Angelus Häussling di Maria Laach diceva sempre ai novizi nel suo primo discorso da novizio: "Non puoi diventare più che un cristiano battezzato!

Papa Francesco si nasconde dietro le commissioni per non dover decidere nulla?

Hünermann: in questo periodo Papa Francesco ha preso molte decisioni sul diritto canonico. Un uomo come lui non si nasconde. Pensate al recente viaggio in Iraq.

Lei ha 92 anni. Vivrà ancora quando ci sarà il diaconato per le donne?

Hünermann: Questo mi piacerebbe molto!

Il sacerdote Peter Hünermann (92) è professore emerito di dogmatica all'Università di Tubinga. Ha una vasta cerchia di studenti - tra cui due donne che si occupano in vario modo di politica della chiesa: la dogmatica di Friburgo Barbara Hallensleben e Claudia Lücking-Michel, la vicepresidente uscente

2

Come Donne per la Chiesa abbiamo seguito il Sinodo appena concluso con grande attenzione, nella preghiera e nella mobilitazione, grate che la Chiesa abbia scelto l’Amazzonia e la sinodalità per rispondere alle sfide del nostro tempo, anche se convinte che l’impossibilità per le madri sinodali di partecipare alle votazioni abbia rappresentato un vulnus nell’intero processo. Il documento finale che è stato reso noto nei giorni scorsi parla di una Chiesa che vuole con tutte le sue forze porsi dietro ai passi del Maestro, scegliendo i poveri e facendo proprio il loro volto: volto indigeno, campesino, afrodiscendente, migrante. ...continua a leggere "La nostra riflessione sul documento finale del Sinodo per la Regione Panamazzonica"

4

da Roma

di Deborah Rose-Milavec (FutureChurch)

Ho avuto sorelle e amiche che hanno avuto travagli durati lunghe ore. Una delle mie amiche è stata in travaglio per 48 ore. Era completamente sfinita al momento del parto.

Ma il travaglio più lungo registrato fino ad oggi è stato di 75 giorni! Una donna polacca che perse uno dei suoi tre gemelli, riuscì a mantenere in vita gli altri due bambini tenendo i piedi sopra la testa per 75 giorni fino a quando i bambini potevano nascere, in modo sicuro.

Penso che la maggior parte delle madri faccia tutto ciò che deve fare per portare un bambino al sicuro in questo mondo e per tenerlo al sicuro dopo la nascita.

Stasera nella sala stampa, mentre leggevo il documento finale, ho sentito le fitte di un travaglio che è andato avanti all'infinito, così a lungo per così tante donne e i loro alleati. ...continua a leggere "Il documento finale del Sinodo Amazzonico: diaconato alle donne, quanto durerà ancora il travaglio?"

1

di Jamie L. Manson (apparso su NCRONLINE.ORG)

 

Nel giugno 2016, poco dopo aver annunciato che avrebbe creato una commissione per lo studio della storia delle donne diaconi nella Chiesa cattolica, Papa Francesco ha scherzato con i giornalisti dicendo: "Quando non vuoi risolvere qualcosa, fai una commissione". Pare che, dopotutto, non stesse scherzando.

Il 7 maggio, a bordo del volo papale dalla Macedonia a Roma, Francesco ha annunciato che, dopo tre anni di studio, la commissione papale non è stata in grado di trovare un accordo e dare una "risposta definitiva" sul ruolo delle donne diacono nei primi secoli del Cristianesimo. Ha detto che restava poco chiaro se le diaconesse ricevessero o meno un'ordinazione sacramentale. ...continua a leggere "Perché la passione di Francesco per la giustizia e l’unità si arresta davanti alle donne?"

Negli anni '80 in provincia di Firenze esisteva una parrocchia di un centinaio di anime, in aperta campagna, che rischiò la chiusura per mancanza di sacerdoti. Essendo molta popolazione anziana, chiudere significava privare parecchi della messa domenicale ed eliminare un punto di ritrovo anche sociale. Un gruppo di persone, tutte non certo campioni di istruzione (nessun laureato: madri di famiglia, contadini in pensione, un'operaia con la quinta elementare sposata con un ragioniere) decise di appellarsi al cardinale. Il cardinale approvò. Di volta in volta il gruppo cercava un sacerdote libero che potesse dir messa. Una volta era alle 11, una alle 8.30, ci si adattava. Per più di dieci anni la parrocchia è stata gestita da laici, con un parroco di una parrocchia vicina che vigilava sui bilanci annuali. Laici che erano tutte donne, o quasi. Con a capo un'operaia con la quinta elementare, poi ministro straordinario dell'Eucaristia. ...continua a leggere "Testimonianza 25: chi regge la comunità?"

di don Ferdinando Sudati

Cara Jacqueline,

ti scrivo da anziano prete, lieto della tua vocazione e per la tua determinazione a raggiungerla.

La freschezza del tuo scritto mi ha fatto riandare al tema dell’ordinazione della donna nella Chiesa cattolica. Parlo di “riandare” o ritornare perché avevo deciso, da un certo momento in poi, di relegarlo tra gli argomenti triti, noiosi, inconcludenti, come ho fatto per la questione del celibato dei preti, dell’eutanasia e dell’interpretazione di Amoris laetitia. Dicevo a me stesso: non vale più la pena dedicarvi tempo ed energie. Anche se non lo vedrò, verrà il tempo in cui tutto ciò che ora fa da ostacolo cadrà come un castello di carte. ...continua a leggere "Lettera aperta a Jacqueline Straub (autrice di “Giovane cattolica donna. Perché voglio diventare prete” ed. Gabrielli)"

di Maria Ilaria de Bonis
Maria è tutt’altro che una figura docile ed obbediente, così come è stata rappresentata nella storia della cristianità. A parlarci della «forte carica eversiva di Maria» è Adriana Valerio, teologa, docente di Storia del cristianesimo e delle chiese alla Federico II di Napoli, a capo del progetto internazionale e interconfessionale “La Bibbia e le donne", i cui volumi sono editi in italiano dalla casa editrice Il Pozzo di Giacobbe.

...continua a leggere "Maria è ancora un modello per le donne? Intervista alla teologa Adriana Valerio"